Vacanze a Sant'Osvaldo di Castelrotto

Chiesa locale nella frazione Sant'OsvaldoA sudovest di Castelrotto, tra la Valle Isarco e la Valle del Rio Freddo, si trova la frazione di Sant'Osvaldo, a circa 750 m sul livello del mare al limitare del bosco di Laranza. Questa frazione del comune di Castelrotto nell'area vacanze Alpe di Siusi è il luogo nativo di Norbert Rier, il più famoso musicista del gruppo dei «Kastelruther Spatzen» ("I passerotti di Castelrotto") conosciuto in tutto il mondo. 

Sant'Osvaldo è una delle numerose frazioni del comune di Castelrotto. Si raggiunge questa piccola località percorrendo la strada, che da Siusi conduce a Ponte Gardena. I primi insediamenti in questo posto baciato dal sole risalgono a oltre 4.000 anni fa. Masi secolari di contadini testimoniano ancora oggi la storia millenaria di questa piccola frazione.
 
Oggi Sant'Osvaldo in Alto Adige conta circa 150 abitanti, tra cui un "figlio assai conosciuto: Norbert Rier, il cantante e leader del gruppo musicale dei Kastelruther Spatzen, noto in tutto il mondo, è nato qui e ancora oggi, in una fattoria a Sant'Osvaldo di Castelrotto, si dedica con successo al suo allevamento di cavalli avelignesi. 

Alloggi

Oltre a illustri abitanti e piacevoli alloggi, tra cui ottimi hotel e spaziosi appartamenti, questa piccola frazione offre anche luoghi che meritano assolutamente di essere visti. Durante le vacanze a Sant'Osvaldo nella regione turistica dell'Alpe di Siusi non potrà mancare sicuramente una visita al Museo dell'agricoltura di montagna al Tschötscherhof. Qui sono esposti attrezzi e oggetti usati nei secoli scorsi per il lavoro quotidiano dei contadini. Merita una visita anche la chiesa locale, dedicata ai quattro evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni. Costruita durante l'epoca romanica, fu in seguito trasformata in stile baracco, fatto visibile ancora oggi esternamente dal tradizionale tetto a cipolla del suo campanile.
 
In questa carina frazione si trovano inoltre le Rovine di Castel Rovereto, nonché il Pflegerhof, un maso che coltiva erbe biologiche. Sul Pflegerhof, a circa 800 m s.l.m., vengono coltivate oltre 500 diverse piante autoctone ed esotiche, che servono per scopi terapeutici, come aromi, per profumi, medicine e decorazioni. 

Highlight